“Il Fuoco profano di Faenza”

inaugurazione sacro fuoco di Faenza.jpg

le fiamme del 1567.jpg

 

“Il Fuoco profano di Faenza”
L’aspetto della superstizione religiosa popolare manovrata dall’inquisizione
contro la riforma


(analisi critica teologica e storica alla mostra inaugurata sabato 2 maggio 2009
nella Pinacoteca di Faenza:
“Il fuoco sacro di Faenza”
un aspetto della religiosità popolare tra riforma e inquisizione

di Barnabè Roberto un evangelico faentino presente per servizio ed autore
della tesi “La riforma protestante nella Romagna del XVI secolo…”
per il Corso Superiore di Cultura Biblica -Torino 7 Luglio 2001-
)

1)-Opere di devozione alla Madonna del Fuoco di Faenza:
chiara violazione del primo e secondo comandamento biblico (il secondo nascosto
nel catechismo cattolico)
Esodo 20:2-6
2 «Io sono il SIGNORE, il tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d’Egitto,
dalla casa di schiavitù.
3 Non avere altri dèi oltre a me.
4 Non farti scultura, né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o
quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. 5 Non ti prostrare davanti a
loro e non li servire, perché io, il SIGNORE, il tuo Dio, sono un Dio geloso;
punisco l’iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione
di quelli che mi odiano, 6 e uso bontà, fino alla millesima generazione, verso
quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.
Deuteronomio 5:6-10
6 «Io sono il SIGNORE, il tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d’Egitto,
dalla casa di schiavitù.
7 Non avere altri dèi oltre a me.
8 Non farti scultura, immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o
quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra.
9 Non ti prostrare davanti a loro e non li servire, perché io, il SIGNORE, il
tuo Dio, sono un Dio geloso; punisco l’iniquità dei padri sui figli fino alla
terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, 10 e uso bontà fino
alla millesima generazione, verso quelli che mi amano e osservano i miei
comandamenti.
2)-il miracolo della madonna del fuoco a Faenza:
assolutamente improponibile considerarlo come miracolo;i miracoli presenti nel
testo biblico sono molto diversi da un icona non bruciata e nel loro esercizio
danno gloria solo a Dio o manifestano la divinità di Cristo;solo la sua
strumentalizzazione e la superstizione ha potuto influire nel contesto religioso
faentino del sedicesimo secolo non è stato certamente l’intervento divino contro
le dottrine luterane
3)I domenicani con il Sant Uffizio esercitano un potere di giudizio e condanna
in totale contrasto con l’evangelo di amore,perdono e grazia di Cristo Gesù
(trasgredendo chiaramente anche due comandamenti cioè il terzo e il sesto :Esodo
20:7
Non pronunciare il nome del SIGNORE, Dio tuo, invano; perché il SIGNORE non
riterrà innocente chi pronuncia il suo nome invano.
Esodo 20:13
Non uccidere.)contro chi al contrario vuole seguire l’esempio della chiesa
primativa in ubbidienza totale solo alle scritture bibliche)
4)– I fuochi dei roghi(assimilati alla madonna del fuoco) contro i riformatori
(9 solo nel 1567 fra i 150 faentini giudicati e condannati quell’anno)definiti
dal relatore come accettabili per il contesto storico (qui si vede l’ipocrisia
delle scuse del precedente papa e l’assurdità di ecumenismo con chi propugna
certe posizione)???????
Motivi giusti per le condanne??????
Difesa della verità? Biblici ? Legali?Morali? Umanistici?
Assolutamente NO
Difesa tradizione,privilegi e poteri temporali farisaici della chiesa cattolica
romana? Combattere ed eliminare chi vuole ritornare alla Buona Novella di Cristo
Gesù in sottomissione completa alla rivelazione divina?
Assolutamente SI

Quindi il mio giudizio sulla mostra e sulla sua presentazione(un vero peccato
per il centinaio di persone presenti) è assolutamente negativo,come lo è sulla
sagra perchè se gli organizzatori si fossero documentati meglio (ciò cercando
non solo la documentazione di parte della controriforma)avrebbero visto che
all’estero Fanino Fanini era molto conosciuto e manifestato come esempio
mirabile di martire cristiano più del Beato Nevolone che si autofustigava
durante il pellegrinaggio per Santiago di Compostela.

Grazie e fraterni saluti
da Barnabè Roberto

http://www.neofaninirelencini.com

La chiesa deve essere Accanto in Estate

ESSERE ACCANTO IN ESTATE
1494944322.jpg

(Stagione di Contraddizioni)
L’ estate (come le maggiori festività) esaspera e mette in rilievo i contrasti in questa società cosidetta evoluta perchè per i più fortunati è tempo di vacanze ,ferie o almeno di riposo assieme ai suoi più cari (famigliari o amici) necessario dopo lo stress della vita moderna e dei ritmi esasperati del proprio lavoro;ma di molti però ci dimentichiamo : gli anziani,le persone sole,quelle depresse o sofferenti;che in questo periodo si sentono abbandonate o cadono in crisi pesantissime (personalmente ho ricevuto email o telefonate di persone in gravi difficoltà). Quindi noi come credenti in Cristo Gesù cosa facciamo in questo periodo ? ….Ora alcuni fratelli e sorelle frequentano campi evangelici in cui si ristorano sia fisicamente che spiritualmente in una magnifica comunione nella creazione di Dio,altri vanno in vacanza in cui dovrebbero continuare a frequentare comunità evangeliche del luogo per il culto domenicale . Ma …. c’è qualcosa che secondo me non va bene,cosa è ?….E’ che molte comunità perchè ci sono pochi credenti rimasti in zona (???Matteo 18:20
“Poiché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro”.)
chudono per un lungo periodo (anche più di un mese) in provincia o in città minori lasciando i credenti senza attività comunitarie o peggio ancora senza supporti spirituali o pastorali ;che sono assolutamente necessarie per chi è rimasto ed ha grande necessità di Agape (amore fraterno) pratico per non cadere in situazioni disperate ed esasperate che possono portare conseguenze anche senza ritorno (in estate i giornali sono pieni di notizie a questo riguardo ).Personalmente soffro per le carenze e assenze di molte comunità della mia zona (Romagna) non tanto per quanto mi riguarda (perchè fin da piccolo sono cresciuto in campagna in un’ azienda agricola, poi ho praticato altri lavori in cui l’estate era il periodo di maggiore attività ed anche ora per motivi di salute e di necessità materiali esercito un lavoro socialmente utile in enti museali faentini in cui l’estate oltre ai fine settimana abituali sono impegnato in altri giorni ed anche per molte serate; per cui questo periodo non l’ ho mai associato al riposo ma piuttosto al contrario) ma per tutti quelli in loco (conosciuti e no) che non hanno i strumenti necessari a superare questa mancanza stagionale (conosco diversi credenti meridionali o stranieri lontani dalle loro famiglie e altri in situazione di disagio e carenza famigliare,fisica,finanziaria o spirituale).E’ necessario secondo me creare una rete di supporto e soccorso pratico o virtuale (nel Web) per il prossimo mese di Agosto per cui vorrei raccogliere le adesioni di tutte le persone di buona volontà (sia chi è nel bisogno sia chi vuole cooperare) che per vari motivi rimangono in città o in rete (Internet) per creare una comunione fraterna che copri al meglio le necessità di chi vediamo nel bisogno o in gravi difficoltà usando anche la preghiera d’intercessione (ciò lo possiamo fare anche dai luoghi di vacanza):la manifestazione concreta della nostra fede non dovrebbe andare mai in ferie cosicchè chiunque voglia essere ACCANTO si manifesti o si attivi nei miei gruppi:
affinchè in ciò pratichiamo la verità di:
2 Corinzi 1:3-4
3 Benedetto sia il Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre misericordioso e Dio di ogni consolazione, 4 il quale ci consola in ogni nostra afflizione, affinché, mediante la consolazione con la quale siamo noi stessi da Dio consolati, possiamo consolare quelli che si trovano in qualunque afflizione;
confidando che ciò sia di stimolo a molti vi mando i miei più cari e fraterni saluti in Cristo
Barnabè Roberto

Roberto Barnabè RiflessioniSermoni Verbo

Roberto Barnabè RiflessioniSermoni Verbo
f070a40b470db9393f2a071ed8a437f4.jpg

 

————————————————————
Gruppo di Barnabè Roberto

Evangelico Faentino (classe 1956,nato di nuovo 1990 Forlì)
membro delle comunità evangeliche in casa di Castrocaro Terme (fc) e Imola(bo) per manifestare pubblicamente le riflessioni bibliche fatte nel corso superiore di cultura biblica (1995-2000) e i messaggi della parola più importanti portati da lui nelle comunità evangeliche o in iniziative evangelistiche pubbliche.
Accetta sinceri contributi di critica e aiuto (portando anche testimonianza di vostri commenti biblici o sermoni)che siano conformi alla sana dottrina manifestata non solo nella Buona Novella (Evangelo) ma nella totalità della Sacra Bibbia (secondo il canone fedele ai testi originali in cui come nella Bibbia ebraica non sono presenti i libri deuterocanonici nell’A.T. presenti invece nella versione cattolica) come è stato riscoperto dalla Riforma Protestante.Questo non vuole essere un gruppo denominazionale perchè il centro va posto nella sottomissione alla sacra scrittura piuttosto che ad una religione umana ; non vuole essere neanche ecumenico perchè solo Cristo per me è “LA VIA LA VERITA’ E LA VITA E NESSUNO VIENE AL PADRE SE NON PER MEZZO DI LUI”come lui stesso afferma in “Giovanni 14:6” però accetta il confronto con chiunque si dice cristiano e vuole confrontarsi sulle tematiche prettamente bibliche senza dogmi o posizioni precostituite.

Fraterni saluti in Cristo da
Barnabè Roberto

Mio Gruppo Evangelistico

a710ae650d68ebf97a08dffc1926b513.jpg

 

Pescatori di uomini
 Cercasi Offresi: OPERAI PER LA MESSE 
GRUPPO che ho creato come collegamento (fra domanda e offerta) e supporto sia alle piccole comunità evangeliche (come la mia)per evangelizzazioni locali sia per trovare singoli credenti che si offrano per partecipare a ciò in cambio di ospitalità (esperienza che ho fatto per 2 anni al quartiere Il Cristo di Alessandria,dove eravamo solo 2 italiani esterni per volta al confronto di tanti anglosassoni)affinchè anche nei piccoli centri e dove la chiesa è assente venga proclamato il Verbo e chi lo vuol fare senza sostegno e organizzazioni lo possa fare in ubbidienza alla Sacra Scrittura:(Isaia 6:8)
Poi udii la voce del Signore che diceva:
«Chi manderò? E chi andrà per noi?»
Allora io risposi: «Eccomi, manda me!»
(Matteo 4:19)E disse loro: «Venite dietro a me e vi farò pescatori di uomini».
(Matteo 9:37-38)Allora disse ai suoi discepoli: «La mèsse è grande, ma pochi sono gli operai.Pregate dunque il Signore della mèsse che mandi degli operai nella sua mèsse».
(Matteo 10:16)«Ecco, io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.
(Romani 10:15)E come annunzieranno se non sono mandati? Com’è scritto:
«Quanto sono belli
i piedi di quelli che annunziano buone notizie!»
(2Timoteo 4:5)Ma tu sii vigilante in ogni cosa, sopporta le sofferenze, svolgi il compito di evangelista, adempi fedelmente il tuo servizio.
(Luca 17:10)Così, anche voi, quando avrete fatto tutto ciò che vi è comandato, dite: “Noi siamo servi inutili; abbiamo fatto quello che eravamo in obbligo di fare”».per cui chi vuole aiutarmi a questa opera partecipi al gruppo -Fraterni saluti nella Pace nella Grazia e Misericordia di DIO in Cristo Gesù-Barnabè Roberto casella postale 144 48018 Faenza (Ravenna)
—————————————————————————————————————————
il gruppo lo troverete in Internet al Collegamento:
24b84d992555ad15bb6f12bcf4cb966c.jpg

CAMBIAMENTI BLOG-Studi Biblici 14-15 Aprile 2008

7e924c4862aa2e9b5caa9dd4f43be235.gif

Dal 20 Aprile 2008

 in questo Blog non verranno più manifestate le attività interne

 

(Studi Biblici,

 Culti di Adorazione,

Preghiere

f8a88ba8a403c2bd5fc03e4aee5755af.jpg

 etc…)

delle comunità Cristiane Evangeliche in Casa di Castrocaro Terme e Imola che saranno poste in http://evangeloincasa.myblog.it

mentre qui pubblicheremo invece le attività esterne come

Evangelizzazioni,

Concerti,

Conferenze e

altre Iniziative Pubbliche

di Testimonianza Cristiana

1462880bcc235c50874a410532780076.jpg

————————————————————————————-

 

STUDI BIBLICI

Comunità Cristiane Evangeliche

di Castrocaro Terme

(Martedì 15 Aprile 2008)

su Colossesi 3:20-21

20 Figli, ubbidite ai vostri genitori in ogni cosa, poiché questo è gradito al Signore.
21 Padri, non irritate i vostri figli, affinché non si scoraggino.

 

Efesini 6:1-4

Genitori e figli
=Cl 3:20-21 (De 5:16; 27:16; Pr 6:20)(De 6:6-7, 20-25; Sl 78:5-7)
1 Figli, ubbidite nel Signore ai vostri genitori, perché ciò è giusto. 2 «Onora tuo padre e tua madre» (questo è il primo comandamento con promessa) 3 «affinché tu sia felice e abbia lunga vita sulla terra».
4 E voi, padri, non irritate i vostri figli, ma allevateli nella disciplina e nell’istruzione del Signore.

Proverbi 1:8-9

8 Ascolta, figlio mio, l’istruzione di tuo padre
e non rifiutare l’insegnamento di tua madre;
9 poiché saranno una corona di grazia sul tuo capo
e monili al tuo collo.

Proverbi 4:1

La saggezza si acquista
Pr 2; 3:1-26
Figlioli, ascoltate l’istruzione di un padre,
state attenti a imparare il discernimento;

Proverbi 6:20-22

 

L’adulterio
Pr 5; 7
20 Figlio mio, osserva i precetti di tuo padre,
e non trascurare gli insegnamenti di tua madre;
21 tienili sempre legati al cuore
e attaccati al collo.
22 Quando camminerai, ti guideranno;
quando dormirai, veglieranno su di te;
al tuo risveglio ti parleranno.

Proverbi 22:6

Insegna al ragazzo la condotta che deve tenere;
anche quando sarà vecchio non se ne allontanerà.

e Imola (Lunedì 14 Aprile 2008 )

condotto da Paolo Pattuelli sull’

ESODO

Esodo 15:11-18

11 Chi è pari a te fra gli dèi, o SIGNORE?
Chi è pari a te, splendido nella tua santità,
tremendo anche a chi ti loda,
operatore di prodigi?
12 Tu hai steso la destra,
la terra li ha ingoiati.
13 Tu hai condotto con la tua bontà
il popolo che hai riscattato;
l’hai guidato con la tua potenza
alla tua santa dimora.
14 I popoli lo hanno udito e tremano.
L’angoscia ha colto gli abitanti della Filistia.
15 Già sono smarriti i capi di Edom,
il tremito prende i potenti di Moab,
tutti gli abitanti di Canaan vengono meno.
16 Spavento e terrore piomberà su di loro.
Per la forza del tuo braccio
diventeranno muti come una pietra,
finché il tuo popolo, o SIGNORE, sia passato,
finché sia passato il popolo che ti sei acquistato.
17 Tu li introdurrai e li pianterai sul monte che ti appartiene,
nel luogo che hai preparato, o SIGNORE, per tua dimora,
nel santuario che le tue mani, o Signore, hanno stabilito.
18 Il SIGNORE regnerà per sempre, in eterno».

Esodo 19:4-6

4 “Voi avete visto quello che ho fatto agli Egiziani e come vi ho portato sopra ali d’aquila e vi ho condotti a me. 5 Dunque, se ubbidite davvero alla mia voce e osservate il mio patto, sarete fra tutti i popoli il mio tesoro particolare; poiché tutta la terra è mia; 6 e mi sarete un regno di sacerdoti, una nazione santa”. Queste sono le parole che dirai ai figli d’Israele».

Esodo 20:1-17

I dieci comandamenti
De 5:2-22 (Mt 5:17-48; 22:35-40; Ro 13:8-10) Gv 1:17
1 Allora Dio pronunziò tutte queste parole:
2 «Io sono il SIGNORE, il tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla casa di schiavitù.
3 Non avere altri dèi oltre a me.
4 Non farti scultura, né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. 5 Non ti prostrare davanti a loro e non li servire, perché io, il SIGNORE, il tuo Dio, sono un Dio geloso; punisco l’iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, 6 e uso bontà, fino alla millesima generazione, verso quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.
7 Non pronunciare il nome del SIGNORE, Dio tuo, invano; perché il SIGNORE non riterrà innocente chi pronuncia il suo nome invano.
8 Ricòrdati del giorno del riposo per santificarlo. 9 Lavora sei giorni e fa’ tutto il tuo lavoro, 10 ma il settimo è giorno di riposo, consacrato al SIGNORE Dio tuo; non fare in esso nessun lavoro ordinario, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo servo, né la tua serva, né il tuo bestiame, né lo straniero che abita nella tua città; 11 poiché in sei giorni il SIGNORE fece i cieli, la terra, il mare e tutto ciò che è in essi, e si riposò il settimo giorno; perciò il SIGNORE ha benedetto il giorno del riposo e lo ha santificato.
12 Onora tuo padre e tua madre, affinché i tuoi giorni siano prolungati sulla terra che il SIGNORE, il tuo Dio, ti dà.
13 Non uccidere.
14 Non commettere adulterio.
15 Non rubare.
16 Non attestare il falso contro il tuo prossimo.
17 Non desiderare la casa del tuo prossimo; non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo servo, né la sua serva, né il suo bue, né il suo asino, né cosa alcuna del tuo prossimo».